News & Projects

SI PREGA DI TOCCARE, PER POTER VEDERE

SI PREGA DI TOCCARE, PER POTER VEDERE

Bolzano 2020

La sezione tattile della mostra “RAFFAELLO Capolavori tessuti” si arricchisce di un’opera speciale: il rilievo in vetro del Ritratto di gentildonna, detto La Muta

Al motto di "SI PREGA DI TOCCARE, PER POTER VEDERE" è fruibile ora al Centro Trevi TREVILAB di Bolzano

Non ci sono parole più significative ed appropriate di quelle scritte da Alessandro Cuccato di Glas Art Design Vetroricerca, autore assieme ad Alessandra Piazza di questo straordinario capolavoro in vetro, per descrivere il nuovo arrivo al TREVILAB.
“Vi presento Il ritratto di gentildonna detto la Muta, opera bidimensionale tratta dall'omonimo quadro di Raffaello ora esposta, al Centro Trevi di Bolzano nell'ambito della mostra RAFFAELLO Capolavori tessuti, l'iniziativa organizzata in occasione del cinquecentesimo anniversario della scomparsa del grande genio italiano Raffaello. L'opera in vetro bicolore nero e verde è inserita nel percorso tattile dell'iniziativa e intende interessare un’ampia fascia di pubblico alla cultura. Ci auguriamo che la scultura venga "accarezzata" anche da coloro che la possono vedere e che l'arte possa essere un'occasione per far acquisire a TUTTI, nuovi talenti. Ringraziamo per averci coinvolto in questa straordinaria iniziativa, Il Centro Trevi TREVILAB di Bolzano, Il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, l'Associazione Ciechi e Ipovedenti di Bolzano e, naturalmente, l'immenso Raffaello.”

E già ieri ha fatto visita alla mostra una visitatrice ipovedente che per prima ha potuto toccare e sperimentare la Muta. La signora Monica Bancaro ha apprezzato moltissimo l'iniziativa e non ha mai smesso di fare domande sul rilievo in vetro e di esprimere il suo apprezzamento nei confronti di questa iniziativa e su questa opera, che le ha consentito una fruizione così dettagliata del Ritratto di gentildonna.

La mostra “RAFFAELLO Capolavori tessuti. Fortuna e mito di un grande genio italiano” è un progetto dell’Ufficio Cultura, Ripartizione Cultura Italiana della Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige, e sarà visitabile fino al 15 dicembre 2020.

http://www.provincia.bz.it/arte-cultura/cultura/

Info: centrotrevi@provincia.bz.it Tel. 0471 300980

Press Contact: Agenzia LPS Communication - Laura Piovesan Schütz 335 8071133 info@LPS-pr.it

Dettagli   
Libia ... uno sguardo verso il mare

Libia ... uno sguardo verso il mare

ESPACE LA STANZA BOLZANO 

Lunedì 5 ottobre a partire dalle ore 18.00, inaugurazione della mostra fotografica di Lucio Rosa "Libia ... uno sguardo verso il mare"

Il Circolo culturale La Stanza di Bolzano inaugura il suo programma autunnale con una mostra fotografica di grande interesse a cura di Lucio Rosa, regista, fotografo e grande viaggiatore. 

Lucio Rosa ha l'Africa nel cuore e in questa mostra, che si compone di quasi un centinaio di foto, racconta le bellezze dei siti archelogici sulla costa mediterranea della Libia.

Un modo importante non solo per far apprezzare dei beni culturali di grande valore artistico, ma anche per sensibilizzare il pubblico nei confronti di luoghi di interesse storico e culturale mondiale, che vanno verso il completo degrado e abbandono. 

Verranno applicate le misure anti-covid previste dalla legge.
ESPACE LA STANZA, Via Orazio 34 Bolzano  info@lastanza.info
Dettagli   
RAFFAELLO Capolavori tessuti

RAFFAELLO Capolavori tessuti

Centro Trevi TREVILAB Bolzano 
Inaugurazione Sabato 10 ottobre 2020 ore 12 - 18

PROGRAMMA

L’Ufficio Cultura - Ripartizione Cultura italiana della Provincia Autonoma di Bolzano - si unisce alle iniziative che celebrano la ricorrenza dei 500 anni dalla scomparsa di quello che fu molto più del “divin pittore”, dedicando a Raffaello Sanzio l’evento espositivo “RAFFAELLO Capolavori tessuti. Fortuna e mito di un grande genio italiano” ” con una mostra e una ricca serie di appuntamenti, che si aprirà sabato 10 ottobre presso il Centro Trevi (TreviLab) in via Cappuccini 28 a Bolzano dalle 12.00 alle 18.00 con le iniziative di seguito elencate.

Programma 10.10.2020

• dalle 12.00 alle 16.30 - Visite guidate in italiano e in tedesco ogni 30 minuti – si consiglia la prenotazione
• dalle 12.00 alle 18.00 Foyer - Annullo postale speciale di Poste Italiane
• ore 17.00 Lab 3 - Concerto di Claudio Astronio al clavicembalo
“Trasfigurazione”. La musica per tastiera al tempo di Raffaello (su prenotazione)info@lps-pr.it

Programma eventi fino al 15.12.2020

Per tutte le conferenze e viste guidate si richiede la prenotazione del posto centrotrevi@provincia.bz.it o tel. 0471 300980

Venerdì 9 ottobre 2020, ore 18.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Luigi Bravi presidente Accademia Raffaello Urbino
“L’Ottocento, un secolo raffaellesco nella città di Urbino”
A cura di Società Dante Alighieri, Comitato di Bolzano

Sabato 10 ottobre 2020, ore 12.00 – 18.00 Centro Trevi (TREVILAB)
Giornata inaugurale con:
• dalle 12.00 alle 16.30 - Visite guidate in italiano e in tedesco ogni 30 minuti – si consiglia la prenotazione
• dalle 12.00 alle 18.00 Foyer - Annullo postale speciale di Poste Italiane
• ore 17.00 Lab 3 - Concerto di Claudio Astronio al clavicembalo
“Trasfigurazione”. La musica per tastiera al tempo di Raffaello (su prenotazione)

Giovedì 15 ottobre 2020, ore 18.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Sara Paci docente di storia del costume e della moda, Firenze – Fashion Institute of Technology, N.Y.
“Raffaello e gli Arazzi della Sistina, un capolavoro in competizione con Michelangelo”

Venerdì 16 ottobre 2020, ore 11.00 luogo da stabilire
Sara Paci docente di storia del costume e della moda, Firenze – Fashion Institute of Technology, N.Y.
“Raffaello e la Moda: dettagli di vesti e tessuti dai dipinti e disegni dell’Urbinate” (per gli studenti)

Venerdì 23 ottobre 2020, ore 18.00 Auditorium via Dante, Bolzano
Giornata della Dante 2020
Consegna premi alle scuole vincitrici del Premio di Cultura “Raffaello, il personaggio e le opere”
A cura di Società Dante Alighieri, Comitato di Bolzano

Mercoledì 28 ottobre 2020, ore 15.00 Museo Civico di Chiusa
Visita guidata al Tesoro di Loreto con Marina Mascher

Sabato 7 novembre 2020, ore 15.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
“Knitting in public in onore di Raffaello” accompagnato da letture di e su Raffaello a cura di Mara Da Roit e da musica rinascimentale a cura di Massimo Leonardo Prandini

Giovedì 12 novembre 2020, ore 17.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Juliette Ferdinand, Università degli Studi di Verona
“Harmonie et Grâce dans la peinture de Raffaello Sanzio, génie de la Renaissance” in lingua francese
a cura Ufficio Bilinguismo e lingue straniere, Centro Multilingue in collaborazione con Palladio.
È richiesta la prenotazione:
centromultilingue@provincia.bz.it

Lunedì 16 novembre 2020, ore 18.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Marta Cucchia, titolare del laboratorio tessile “Giuditta Brozzetti” di Perugia
“La tessitura in Italia centrale” accompagnata da dimostrazioni al telaio

Martedì 17 novembre 2020 ore 10.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Marta Cucchia, titolare del laboratorio tessile “Giuditta Brozzetti” di Perugia
“La tessitura in Italia centrale” accompagnata da dimostrazioni al telaio (per gli studenti)

Giovedì 19 novembre 2020, ore 20.00 Teatro Cristallo, Bolzano
Costantino D’Orazio, storico dell’arte, curatore, volto e voce RAI, scrittore e saggista
“Raffaello. Il giovane Favoloso”, conferenza spettacolo teatrale con Flora Sarrubbo
Una produzione del Teatro Stabile Bolzano

Martedì 24 novembre 2020, ore 16. 00 – Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Conferenza sull’arte di Raffaello di Patrizia Zangirolami, coordinatore generale CLS
A cura di CLS Consorzio Lavoratori Studenti

Mercoledì 25 novembre 2020, ore 18.00 – Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Marco Carminati giornalista e scrittore, responsabile delle pagine d’arte dell’inserto culturale Domenica del Sole 24 ore, storico dell’arte, Bergamo
“Raffaello pugnalato - storie, viaggi e peripezie dei capolavori del Maestro”
A cura della Biblioteca Provinciale Italiana Claudia Augusta, Bolzano

Giovedì 10 dicembre 2020, ore 18.00 Centro Trevi (TREVILAB) – Lab 3
Antonio Forcellino, restauratore, storico d’arte, saggista e scrittore, Roma
“Raffaello e i suoi allievi negli arazzi sistini: un nuovo modo di creare”
In collaborazione con l’Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano

Martedì 15 dicembre 2020 Centro Trevi (TREVILAB), ore 18.00 – Lab 3
Finissage della mostra
Interviene Anna Cerboni Baiardi, curatrice dell’esposizione, professoressa associata di Museologia e Critica Artistica e del Restauro Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

Maggiori informazioni su conferenze, relatori e eventi collaterali:
http://www.provincia.bz.it/cultura

SONO POSSIBILI VARIAZIONI AL PROGRAMMA

 

Info:

www.provincia.bz.it/cultura

LPS Communication: info@LPS-pr.it

 



Dettagli   
WeddingWeDo | Progetti di stile

WeddingWeDo | Progetti di stile

Per celebrare in modo esclusivo i momenti più emozionanti della vita.
WeddingWeDo progetta e organizza il vostro evento in modo speciale ed esclusivo.

Grazie ai suoi numerosi anni di esperienza nel mondo dei grandi eventi WeddingWeDo è in grado di realizzare i vostri desideri dando loro un tocco di stile non convenzionale.

WeddingWeDo mette in scena feste spettacolari ed eventi esclusivi.

Crea le atmosfere più suggestive e vi permette di vivere e condividere con i vostri ospiti momenti ineguagliabili.

Che si tratti di un matrimonio, di un’unione o di un’altra ricorrenza WeddingWeDo personalizza ogni istante della vostra cerimonia e realizza ogni vostra aspettativa.

WeddingWeDo pone grande cura nella scelta dei luoghi, degli spazi e delle strutture per proporvi quella che meglio risponde alle vostre esigenze e richieste.

Originalità, competenza e creatività sono le parole chiave di WEddingWeDo.

Un team esperto vi accompagnerà passo dopo passo nella creazione di un’esperienza unica e personalizzata capace di rendere indelebile il ricordo del vostro giorno speciale.

www.weddingwedo.it

Dettagli   
Raffaello Sanzio. Bolzano ricorda il grande artista

Raffaello Sanzio. Bolzano ricorda il grande artista

Raffaello (Urbino 28 marzo o 6 aprile 1483 – Roma 6 aprile 1520)

Il 6 aprile di 500 anni fa, il geniale e poliedrico artista Raffaello moriva a soli 37 anni.
Eppure nonostante la sua giovane età e la sua relativamente breve carriera artistica già a partire dal suo tempo è stato oggetto di elogi e riconoscimenti. Raffaello è stato definito il divin pittore, l’artista geniale, il giovane favoloso, l’artista aggraziato, dio mortale. Era l’artista del suo tempo più noto al mondo, conteso dai potenti della terra.

L'Ufficio Cultura della Ripartizione Cultura in lingua italiana della Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige, che nel 2019 ha ricordato Leonardo nel cinquecentesimo anniversario della sua scomparsa con una mostra di grande interesse realizzata presso l'Università di Bolzano, ha previsto quest'anno un evento speciale dedicato a Raffaello.

Ed è proprio nella giornata del 6 aprile 2020, che è iniziato sul sito Arte e Cultura in Alto Adige (www.provincia.bz.it/arte-cultura/cultura/) una rubrica a puntate dedicata al grande artista rinascimentale in cui si raccontano i momenti salienti della sua vita e dove vengono segnalati siti, libri, e suggerimenti di approfondimento.

Sempre il 6 aprile è stata inaugurata la pagina Facebook Raffaello Sanzio Artista, facebook.com/RaffaelloSanzioArtista/, collegata a Instagram raffaellosanzio.artista, che in un percorso di avvicinamento in forma di storytelling, fornirà informazioni, curiosità sullo svelamento della vita privata e artistica di Raffaello e momenti di interazione con il pubblico. I post verranno condivisi sulla pagina Facebook e Instagram del Centro Trevi.

L'interessante concept elaborato dall'Ufficio Cultura della Ripartizione Cultura italiana, previsto per il prossimo autunno, è, date le circostanze, in fase di elaborazione, Ma già a partire da oggi si vuole iniziare a coinvolgere e sensibilizzare non solo il pubblico e le scuole della nostra provincia ma anche tutte le comunità interessate all'arte, alla cultura e alla bellezza, attraverso conferenze on-line, visite virtuali e interazioni rivolte in particolare alle scuole.

L'assessore Giuliano Vettorato ha dichiarato: “Stiamo utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione per poter mettere a disposizione della nostra comunità un numero sempre maggiore di servizi. L'arte come già ampiamente dimostrato è portatrice di benessere ed ha un effetto terapeutico positivo sulle persone e quindi a partire da iniziative recenti quali Scriptaflix, vogliamo creare ulteriori servizi dedicati alle persone che siano fruibili anche da casa e che consentano di arricchire la propria conoscenza, di far spaziare la mente e, come diceva una nota canzone, di portare alle persone il cielo in una stanza. Ci impegniamo fortemente con questa iniziativa a distanza, in attesa di poter promuovere il nuovo concept nei prossimi mesi.”

Informazioni:
Laura Piovesan Schütz LPS Communication
Via Orazio 34 E – Bolzano
Handy 335 8071133 Email info@lps-pr.it

Dettagli   
CONTRO TUTTI I MURI

CONTRO TUTTI I MURI

Against all Walls | Contro tutti i muri | Gegen alle Mauern

Con la performance dell’artista Kiddy Citny a 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino

Il Circolo Culturale La Stanza di Bolzano, da sempre impegnato in una visione multiculturale e interculturale della società, propone a 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino il progetto “Contro tutti i muri”.

L'iniziativa, sostenuta del Comune di Bolzano e segnatamente dall'Assessorato alla cultura della città di Bolzano, ha visto la realizzazione di un'opera a grande valenza simbolica a firma del grande artista tedesco, padre della street art, Kiddy Citny. Fu lui a dipingere clandestinamente il Muro di Berlino prima del suo abbattimento.

L’evento si articola nella realizzazione di un muro composto da “mattoni” di materiale leggero dipinti da Kiddy Citny ed esposti nel cortile interno del Museo Civico di Bolzano, dove il 13 novembre è avvenuta l’inaugurazione ufficiale.
Il muro resterà in esposizione fino al 13 febbraio divenendo motivo di attrazione, di riflessione e di interesse.

Elemento centrale del progetto è il coinvolgimento delle scolaresche che il 13 febbraio sono state invitate al Museo Civico per abbattere il muro.
Un’occasione per ricordare un evento di grande rilevanza storica e per valorizzare il ruolo della Città di Bolzano, quale laboratorio di convivenza unico nel suo genere.

In occasione della conferenza stampa lo studio Studio Arch. Bruno Stefani Tigliani ha presentato in anteprima il modello del “Muro“.

Dettagli   
Grazie all'Ipes edificio storico riprende vita

Grazie all'Ipes edificio storico riprende vita

A Bressanone previsti alloggi e spazi per uffici comunali e associazioni

L’Ipes ha effettuato un sopralluogo a Bressanone ai lavori che hanno preso il via in aprile 2019 in via Roncato 11. Al sopralluogo hanno preso parte Heiner Schweigkofler presidente Ipes, l’arch. Domenico Russo responsabile unico di procedimento, l’arch, Chiara Fedeli direttore lavori, Claudio Del Piero vicesindaco di Bressanone, l’ing. Alexander Gruber dirigente Ufficio tecnico del Comune di Bressanone, Christoph Ausserhofer proprietario Unionbau e l’ing. Georg Ausserhofer direttore lavori Unionbau.

Bressanone ha il più alto tasso di crescita della popolazione e di conseguenza una grande necessità di alloggi. Diviene quindi importante intervenire anche sugli edifici esistenti per rispondere al meglio a questa esigenza. Il presidente dell’Ipes Heiner Schweigkofler vede in questo risanamento un investimento sociale importante per i cittadini di Bressanone. Il vicesindaco Claudio Del Piero esprimendo il suo ringraziamento sottolinea che bisogna andare ancora oltre.

Si tratta del risanamento e restauro conservativo di un edificio storico sottoposto a vincolo di tutela, testimonianza del passato architettonico ed artistico di Bressanone.

I lavori prevedono il mantenimento dei muri storici, i pilastri e le volte, nonché per quanto possibile il soffitto di travi, la scala e l’intonaco esterno.
Nell’ampio spazio con volte a crociera al pianoterra saranno ricavati quattro locali che verranno utilizzati da associazioni e dove potranno essere ospitate esposizioni. Al primo piano, il cosiddetto piano nobile, si trovano gli spazi più curati e i due ambienti più grandi sono caratterizzati da un erker. La stanza d’angolo presenta un soffitto a cassettoni in buono stato, nell’atrio e nell’ambiente centrale sono state trovati degli affreschi e raffigurazioni di lanzichenecchi.
Con i lavori di restauro e risanamento dell’edificio verranno ricavati uffici, 9 alloggi sociali per senior e 9 alloggi destinati al ceto medio. È previsto un alloggio per portatori di handicap. Tutti gli appartamenti saranno ampi e luminosi come da criteri progettuali dell’Istituto e soddisferanno pienamente gli attuali bisogni abitativi.
A causa dei lunghi anni senza alcuna manutenzione, agli interventi riguardanti gli impianti si aggiungeranno quelli di carattere statico. L’edifico verrà dotato di ascensore, di posti auto e di rastrelliere per le biciclette.
L’impresa incaricata è la Unionbau affiancata dalla Mader Srl e dalla Schwienbacher Alfred Srl (consorzio di imprese); sarà inoltre presente una ditta veneziana specializzata in restauri, la “Ducale Restauro”.

L’edifico ha una lunga storia alle spalle. Sopra il portone sul lato ovest – che tornerà ad essere l’accesso principale – la chiave di volta con lo stemma della famiglia de Paula porta la data del 1632, anno in cui l’edificio viene trasformato in residenza nobiliare in stile rinascimentale. Ma già a partire dal Trecento la costruzione può essere identificata come il primo dei 10 maggiori "Meierhöfe" del vescovado.
La secolarizzazione di Bressanone causò la decadenza dell’edificio, che passò più volte di mano. Fu fabbrica di tabacchi, filanda e mescita. A metà Ottocento i Gesuiti ne fecero una scuola, che poi il Comune trasformò in caserma. In seguito divenne sede dell’Azienda elettrica per tornare ad essere scuola dagli anni ‘20.

L’edificio, di proprietà del Comune di Bressanone, viene concesso in diritto d’uso all’Istituto per l’Edilizia sociale per 60 anni e poi tornerà al Comune, che altrimenti non avrebbe avuto i mezzi per effettuare direttamente il risanamento e il restauro.

Dettagli   
UN GIORNO PER BENE

UN GIORNO PER BENE

Insieme per “Un giorno per bene”

Il 21 e il 22 settembre, tutti invitati a prendersi cura dell’Italia come bene comune

A Bolzano è protagonista il Parco della Stazione

L'iniziativa nasce dall’impegno di “prendersi cura del Paese” che da sempre contraddistingue le attività del Touring Club Italiano. Restituire alla comunità beni comuni bisognosi di cure e attenzioni, grazie al supporto concreto di soci del Touring Club Italiano e cittadini, è l’intento da cui prende forma questo nuovo progetto, in programma sabato 21 e domenica 22 settembre.

A Bolzano il 21 e 22 settembre dalle ore 10.30 alle ore 16.30, i volontari valorizzeranno l’area del Parco della Stazione attraverso “Passeggiate” in italiano e tedesco con cadenza oraria in cui verrà illustrata la storia del parco, con la Fontana delle rane, lo scomparso Teatro civico, il busto marmoreo di Heinrich Noë (scrittore, bibliotecario e viaggiatore appassionato che descrisse in una ventina di libri centinaia di itinerari soprattutto montani dalla Baviera all’attuale Sudtirolo, tra cui la guida di Bolzano del 1880), le vie e piazze limitrofe e la stazione ferroviaria dirimpetto.

“Un giorno per bene” a Bolzano è realizzato dal Touring Club Italiano in collaborazione con il Comune di Bolzano e il Circolo Culturale La Stanza.

In Italia i riflettori sono puntati sui “beni comuni” di 26 città su tutto il territorio nazionale, ma i veri protagonisti dell’iniziativa sono i cittadini che, in veste di volontari, faranno vivere luoghi e beni che appartengono alla comunità, prendendosi cura della propria città per renderla più accogliente, fianco a fianco con i volontari del Touring Club Italiano e delle numerose organizzazioni locali partner del progetto.

Luoghi d’arte, parchi, spiagge, piste ciclabili, monumenti, sentieri e percorsi pedonali - patrimonio culturale, artistico e naturalistico del nostro Paese - hanno, infatti, bisogno dell’aiuto di tutta la comunità per essere valorizzati e resi accessibili.

Info su touringclub.it/ungiornoperbene

Il Touring Club Italiano è una libera associazione senza scopo di lucro che propone ai suoi soci – destinatari e attori della missione – di essere protagonisti di un grande compito: prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta, attrattiva, competitiva e accogliente. Per questo il Touring Club Italiano contribuisce a produrre conoscenza, tutelare e valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale e le eccellenze economico produttive dei territori, attraverso il volontariato diffuso e una pratica turistica del viaggio etica, responsabile e sostenibile.

Dettagli   
BICINFIORE

BICINFIORE

1.5.2019 Bolzano
1° Raduno di biciclette in occasione della Festa dei Fiori

Colori, profumi, allegria, gioia di vivere. Questo il filo conduttore di "BICINFIORE", la manifestazione che prenderà il via mercoledì, 1 maggio alle ore 17 in Piazza Walther a Bolzano.

Decora la tua biciletta e partecipa al concorso B!CINFIORE! Possono partecipare tutti coloro che si presentano sulle due ruote, decorate almeno in un punto con fiori, foglie, piante o erbe aromatiche Sono ammesse anche decorazioni diversi materiali.

Sarai tu a vincere il titolo della più bella BICINFIORE e uno dei 5 Premi messi in palio?

Partecipa anche tu e fai diventare Bicinfiore la più grande parata di bici decorate con fiori e piante del mondo!

Dalle ore 12 alle 17 registrazione davanti al Duomo
di Bolzano
Ore 17 Bicinfiore-Tour in città
Ore 18 premiazione delle biciclette più belle in piazza Walther

Maggiori informazioni: www.bolzano-bozen.it/primavera-bolzano.htm, da dove si possono scaricare anche Regolamento e modulo di partecipazione.

Dettagli   
McGALLERY|The art corner

McGALLERY|The art corner

 Opere d’arte, musei, monumenti, ci rendono la vita più bella.

In McDonald's McDrive Via Buozzi Str. 32: puoi esporre la tua opera, foto o disegno!

INFO: 0471 979711 www.mc1bz.it

La prima artista che ha inaugurato con successo l'iniziatica McGALLERY|The art corner è Annalisa Lenzi. 

Annalisa Lenzi, nata a Trento nel 1982, vive e lavora a Pergine Valsugana (TN) . Artista autodidatta ha seguito diversi corsi di disegno e pittura per perfezionare la tecnica e l’uso dei materiali.


 




Dettagli   
ROTARY E UNESCO INSIEME PER LA CULTURA E LO SVILUPPO

ROTARY E UNESCO INSIEME PER LA CULTURA E LO SVILUPPO

Nell’ambito dell’«Anno europeo del patrimonio culturale» il Rotary Distretto 2060 Nord-Est e il Rotary International, in collaborazione con l’Università di Padova, organizzano il convegno «Il Rotary per la Cultura e lo Sviluppo. Una sfida per il benessere di tutti». L'evento si svolge il 17 novembre 2018 alle ore 9 nell’Aula Magna di Palazzo Bo a Padova, sede dell'università patavina.

https://www.facebook.com/distretto2060/videos/960648817471905/

PROGRAMMA

09.00 Saluti istituzionali

Governatore del Distretto Rotary 2060 Nord-Est: Riccardo De Paola
Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Padova: Rosario Rizzuto
Sindaco di Padova: Sergio Giordani
Autorità Rotariane

10.00 -10.30
Dott.ssa Costanza Fidelbo, Rappresentante UNESCO, Assistant Project Officer in Culture Unit: “UNESCO e diplomazia culturale”

10.30 - 11.00
Prof. Pier Luigi Sacco, Docente di Economia della Cultura alla IULM di Milano e Special Advisor del Commissario Europeo Education, Youth, Sport and Culture: “L’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018”

11.00 TALK SHOW
Moderatore Giorgio Borile

Dott. Giorgio Andrian, Project Manager Padova Urbs picta: “Il significato di una candidatura UNESCO”
Dott. Corrado Azzollini, Direttore del Segretariato Regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Veneto e Friuli Venezia Giulia: “Rotary e Ministero dei Beni Culturali MiBAC scenari”
Dott. Andrea Colasio, Assessore alla Cultura, Comune di Padova: “Da Giotto alla Padova Carrarese: Urbs picta”
Prof.ssa Giovanna Valenzano, Prorettrice al patrimonio artistico, musei e biblioteche dell’Università di Padova
Dott. Giuliano Cecovini, PDG Distretto Rotary 2060, Presidente Commissione Tutela del Patrimonio Artistico e Culturale: “Importanza della conservazione del patrimonio culturale per il benessere di tutti”

Dott. Riccardo De Paola, Governatore del Distretto Rotary 2060: “Rotary e Cultura: un’occasione da non perdere”.

12.15 Conclusioni

Organizzatori: Rotary Distretto 2060, Rotary International
Con la collaborazione dell’Università degli Studi di Padova

Con il Patrocinio di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Veneto, Università di Padova, Comune di Padova, Giovani Industriali

Riprese e video realizzati da TV7 Triveneta.

Dettagli   
Bolzano il paradiso dei profumi

Bolzano il paradiso dei profumi

Castel Mareccio si trasforma nella Torre dei profumi

Quest’autunno Bolzano ha accolto la mostra più profumata dell’anno. Dal 25 settembre al 4 novembre 2018 Castel Mareccio ha ospitato “La torre dei profumi”, un’iniziativa dell’Assessorato al Personale, alla Scuola e al Tempo libero del Comune di Bolzano in collaborazione con l’Azienda di Soggiorno di Bolzano. 
Un viaggio nella storia di questa affascinante materia che è antica come la storia dell’uomo, raccontata però con il tono leggero della divulgazione con percorsi sensoriali e tante curiosità.

Un accento particolare viene posto sulla produzione locale: il nostro è un territorio dalla natura ricchissima anche per quanto riguarda l’olfatto.
L’olfatto appunto: un senso troppo spesso messo da parte, trascurato, anche se proprio attraverso il naso passano alcune delle sensazioni più piacevoli della nostra vita.
Ma non è tutto: durante l’intero periodo di apertura sono in programma coinvolgenti workshop dove imparare tutto sulle profumate erbe aromatiche e sul loro impiego per la salute, la bellezza e la gastronomia, sui contenitori delle sostanze profumate, sui libri da leggere per saperne di più anche su creme e saponi che sanno di erbe e fiori e su profumi dall’incantevole nota odorosa.

Ad aggiungere fascino a fascino la location prescelta: le sala Hendl, Virgil, Rosengarten e l’antico mastio di castel Mareccio.
Per l’occasione anche le passeggiate Lungotalvera sfoggiano l’ “abito delle feste” con tanti nastri colorati ad indicare il cammino, legati agli alberi odorosi là presenti.
Non mancheranno momenti coinvolgenti non solo per i turisti ma per tutta la popolazione locale, invitandoli alla colorata disfida per scegliere il più bel cestino di bicicletta adornato di fiori olezzanti. Il premio? Ma ovviamente un profumo!
La mostra si avvale del sostegno e della collaborazione della Società del Museo - Museo Civico di Bolzano, del Museo delle Donne e del Touriseum di Merano, del Museo de Gherdëina, della Giardineria comunale di Bolzano, Biblioteca Civica di Bolzano dell’Associazione dei Floricoltori dell’Alto Adige, della Farmacia Alla Madonna di Bolzano, della Vitalis Dr. Joseph di Brunico,  della Gesellschaft der Freunde islamischer Kunst und Kultur di Monaco di Baviera, del Centro Audiovisivi della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige e della Biblioteca del Comune di Brentonico.

Inaugurazione lunedì 24 settembre 2018 alle ore 18 a Castel Mareccio a Bolzano.

La mostra è visitabile a partire dal 25 settembre da martedì a sabato dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Chiusa sabato 13 ottobre.

Curatrice della mostra l’esperta di turismo culturale e comunicazione Laura Piovesan Schütz. 

Dettagli   
OK

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa